Crea sito

“Nuotando nel mio assenzio – Eteree Visioni e Tragitti Mentali”, di Paolo Bertulessi

Nuotando nel mio assenzio di Paolo Bertulessi

…Si viaggia sperando, si spera viaggiando.

La silloge poetica “Nuotando nel mio Assenzio”, ha tanto nel titolo quanto nella grafica scelta per la cover, un forte impatto metaforico. L’assenzio è un distillato notevolmente alcolico che si ottiene da un misto di erbe tra le quali l’Artemisia Absinthium o Artemisia Maggiore che è una pianta medicinale e al quale deve anche il nome. In letteratura è stato spesso associato agli autori e agli artisti francesi appartenenti al decadentismo. Dopo i due romanzi noir “Esistenze Proibite” e ” Inferno Aurum” , cimentarsi tra le liriche di questo nuovo lavoro di Paolo Bertulessi è stata una conferma ulteriore alla brillante capacità stilistica,alla bravura e attitudine all’utilizzo di un linguaggio ricercato, colto, impeccabile e fortemente evocativo.

Non si è davanti a liriche metriche, non ci si trova dinnanzi a rime baciate tanto meno a poesie nel senso classico e canonico del termine, quelle dove cuore fa sempre rima con amore, non si tratta di versi sdolcinati, strappalacrime o narranti sentimenti non corrisposti, dolore, crisi mistiche o caldeggianti libertà etc..

Bertulessi utilizza le parole in maniera consapevole facendone un uso che, pur se colto e a tratti aulico, è comunque alla portata di tutti riuscendo a raggiungere quel target, forse inizialmente poco noto anche a se stesso.

Come più volte scritto, non è possibile recensire una silloge poetica alla stessa stregua di un romanzo, così come non è possibile recensire un saggio come fosse un romanzo, soprattutto quando gli argomenti trattati non sono unilaterali ma abbracciano, come in questo caso, una moltitudine di aspetti direttamente connessi alla Vita e alle sue sfumature ma affrontati dal punto di vista personale dell’autore. Sono i suoi pensieri, il suo modo di vedere, concepire e percepire le cose… Svaniscono, a tratti, l’oggettività e la razionalità per fare spazio agli istinti, alle sensazioni, alle illusioni, alle speranze…

Un cantore alchemico, Bertulessi, alla ricerca della verità oltre ogni schema mentale che, quasi magicamente, finisce con lo sgretolarsi, al pari di un castello di sabbia, lasciando spazio a quegli aspetti concreti di ogni esistenza che arrivano a disperdere in un bicchiere di assenzio, tutte quelle “eteree visioni” e “tragitti mentali” di cui ogni essere umano è, nel corso della propria vita più o meno vittima; quando giunti all’età dei bilanci si tirano le somme sul proprio vissuto e sul tempo che inesorabilmente avanza senza fare sconti a nessuno e, voltarsi indietro serve a proiettarsi nel futuro vivendo il presente… Ne consiglio assolutamente la lettura…

Con un blocco di piombo

sopra il cuore,

affronto il passare del tempo

nella più tetra oscurità:

domande che non posso fare,

progetti interrotti per sempre,

pianti inesplosi che tendono

agguati silenti.

Questo cilicio dell’anima,

questo non più

sopportabile tribolo

è come il metallico

cane d’una pistola

sempre puntata addosso,

pronto a scattare

senza darti più scampo,

senza nemmeno riuscire

a sperare.

Spalmo giornate

di ritmi ed emozioni

che lacerano una scontata quiete,

assorbendo pause moleste

e frenando moleste cascate

di noiose abitudini.

Ricamando orli

di tempo vissuto

sempre più spessi e laboriosi,

mi accingo a scolpire realtà disegnate,

certo che poi

adorneranno il giorno

da me levigato.

Teresa Anania

Autore: Paolo Bertulessi

Titolo: Nuotando nel mio Assenzio – Eteree Visioni e Tragitti Mentali

Editore: Pluriversum

Uscita: 2019

Pagg: 118-Brossura

Prezzo: €. 12,00

SINOSSI

Una raccolta di poesie che vuole sperimentare e affrontare le più profonde tematiche interiori con nuove prospettive, quasi in antitesi con l’obsolescenza di molte altre opere definite “moderne”. Un’opera che vuole travolgere il lettore con un’impronta linguistica a volte opulenta e dura, sorprendendolo con metafore potenti e inaspettate. La parola diventa suono incessante e martellante, come uno scalpello che lavora sulla mente per demolire ogni schema precostituito. Una lettura che scuote e affascina, generando imponenti voragini emotive che inducono alla meditazione filosofica. Ogni banalità è bandita in nome di uno stile veemente; anche il tema naturalistico, seppur trattato in modo marginale, viene visto con altri occhi… occhi che guardano oltre ogni superficialità e che non lasciano spazio al sentimentalismo.

L’Autore:

Paolo Bertulessi è nato a Bergamo il 1° ottobre 1963 ed è residente a Padova. Ex pugile, è appassionato di narrativa e poesia. Gestisce una famosa enoteca a Piazzola sul Brenta. Dopo il suo travolgente noir d’esordio dal titolo Esistenze proibite (Le Mezzelane, 2018), ha pubblicato Aurum. Inferno operaio (Pav, 2018). Nell’aprile 2019 vede la luce In viaggio per lei, scritto a quattro mani con l’amico Alberto Wittman. La sua citazione preferita è “Ad pugnam parati”. Si definisce “poeta urbano”: ama cogliere i fiori che spuntano dal cemento e metterli in versi.

Pubblicato da Teresa Anania

Eccomi..... Sono Teresa Anania, e ho una passione sfrenata per i libri. Un amore iniziato ad otto anni e cresciuto nel tempo. Amo scrivere e riversare, nero su bianco, emozioni, sentimenti e pensieri concreti e astratti. La musica è la colonna sonora della mia vita. Ogni libro lascia traccia dentro di noi e con le recensioni, oltre a fornire informazioni "tecniche", si tenta di proiettare su chi le leggerà, le sensazioni e le emozioni suscitate. Beh..... ci provo! Spero di riuscire a farvi innamorare non solo dei libri ma della cultura in senso lato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.