Crea sito

Arcobaligia di Giovanni Coccia e Marco Cerminara

Arcobaligia

Giovanni Coccia, Marco Cerminara
Arturo ha otto anni e vive con sua nonna ad Arcobaligia, una città maledetta in cui piove sempre e i colori sono scomparsi. Un ombrello magico sovrasta la città impedendo al sole di filtrare. Le strade sono pattugliate dai Tempestiferi, mostriciattoli ghiotti di vernici, pronti a sabotare qualsiasi tentativo di ridare colore alla città. A capeggiarli c’è Ombrellintesta, l’artefice della maledizione.
Arturo combatte la monotonia delle giornate disegnando, guarda fuori dalla finestra e fantastica sull’esistenza dei colori. Ad alimentare i suoi sogni sono anche le filastrocche della nonna, che rievoca un passato fatto di tiepide primavere e pedalate all’aria aperta.
Una notte, in cantina, Arturo si imbatterà nella vecchia scatola di matite colorate della nonna, miracolosamente scampate alle perquisizioni dei Tempestiferi. Da quest’incontro nascerà un viaggio sui tetti di Arcobaligia che cambierà per sempre Arturo e la sua città.

Introduzione

Arcobaligia è una città immaginaria dove non ci sono più le stagioni; autunno, inverno , primavera ed estate, sempre l’atmosfera buia e cupa di violenti scrosci di pioggia, il problema è un maleficio : Ombrellintesta ha soggiogato tutta la popolazione, tutto è grigio e sono vietati i colori , appena si vede un piccolo coloro arrivano i Tiempestiferi ghiotti di colore che sottomettono il malcapitato che cerca di trasgredire. Arturo ha otto anni e vive con la nonna, ma non si rassegna a vivere nel grigio.

Recensione

Un libro illustrato per i bambini dai 7 ai 10 anni , poche pagine per mettere in evidenza il potere del coraggio, l’iniziativa e l’impegno nel cambiare le cose , in fondo non si può attendere che siano sempre gli altri a salvare le brutte situazioni … la paura , il buio e la forza di mettersi alla prova,Arturo è stanco di non poter far volare un aquilone , di non poter vedere nascere un fiore o giocare in strada con altri bambini. Ma come sconfiggere il terribile Ombrellintesta ed i suoi scagnozzi i Tempestiferi? La risposta arriva quasi per caso quando la nonna gli chiede di andare in cantina a prendere una bottiglia di vino, come fare con una torcia? Certo li sotto è buio bisogna stare attenti … ma Arturo si fa coraggio, in fondo non è difficile e riesce a distruggere il maleficio.
Corredato da splendide illustrazione il libro è una lettura piacevole e didattica, Come diceva Gianni Rodari
Credo che le fiabe, quelle vecchie e quelle nuove, possano contribuire a educare la mente. Ed è proprio questo quello che vuol fare questo piccolo grande libro educare la mente a superare le proprie paure ed i propri limiti. L’ingiustizia va combattuta non si può assistere inermi aspettando glia ltri.

Conclusioni

Una lettura consigliata ai bambini dai 7 ai 10 anni , ma adatta a tutti quelli che hanno un animo bambino, in fondo la fantasia non ha età. Ottima proposta per educare i piccoli alla lettura, si impara a leggere giocando.

Voto

5/5

Recensione di Elisa Santucci

Elisa Santucci

Pubblicato da Elisa Santucci

Sono Elisa Santucci , amministratrice e fondatrice dall'8 luglio 2016, questo blog è casa mia ed adesso anche casa vostra, cari lettori. Tutti abbiamo dei sogni nel cassetto e poiché i sogni son desideri ilo mio si è avverato grazie alla stima ed alla fiducia che voi tutti avete riposto in me. Insieme siamo riusciti a condividere le stesse passioni, emozionandoci giorno dopo giorno. Grazie alla bellezza della Poesia, della Mitologia, della Letteratura, dell’Arte e della Cultura in generale. Il nostro blog è una piccola finestra che si affaccia al mondo letterario ed all’amore per i libri che ancora oggi riesce ad ” unire ” persone di tutto il mondo. Fino a quando leggeremo saremo tutti più vicini, più uniti, più simili gli uni agli altri. Ricordate la lettura è libertà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.