Crea sito

Strinsi le mani sotto il velo oscuro di Anna Achmàtova

Strinsi le mani sotto il velo oscuro è una delle più famose ed amate poesie della poetessa, in cui entra pienamente il suo modo di intendere la poesia. L’amore rappresentato come crudele solitudine ed incapacità di parlarsi apertamente senza remore, e ciò che ne scaturisce è un dolore inconsolabile, un amore eternamente triste.

Strinsi le mani sotto il velo oscuro di Anna Achmàtova

Strinsi le mani sotto il velo oscuro…

“Perché oggi sei pallida?”

Perché d’agra tristezza

l’ho abbeverato fino ad ubriacarlo.

Come dimenticare? Uscì vacillando,

sulla bocca una smorfia di dolore…

Corsi senza sfiorare la ringhiera,

corsi dietro di lui fino al portone.

Soffocando, gridai: “E’ stato tutto

uno scherzo. Muoio se te ne vai”.

Lui sorrise calmo, crudele

e mi disse: “Non startene al vento.”

Anna Andreevna Achmatova, pseudonimo di Anna Andreevna Gorenko nasce a  Bolsoj Fontan il 23 giugno 1889 e muore a Mosca il 5 marzo 1966.

E’ una poetessa russa , ma  non amava l’appellativo di poetessa, voleva essere chiamata poeta al maschile.

Figlia di Andreij Antonovich Gorenko, un funzionario  pubblico e  di Inna Erazmovna Stogova, entrambi di nobile famiglia fu moglie di Nikolaj Gumilëv dal 1910 al 1918, e da questa unione nacque il figlio Lev.

Fece parte della corporazione dei poeti fondata e diretta dal marito , nel 1912 pubblica la sua prima opera  “ La sera” a cui segui  nel 1914 “Il rosario”. Queste opere sono intime e delicate. Invece quelle pubblicate successivamente Lo stormo bianco (1917), Piantaggine (1921), Anno Domini MCMXXI (1922) Sono caratterizzate da una nostalgia biografica.

Dopo la fucilazione del marito ci fu una lunga pausa nella pubblicazione di versi in seguito alla censura, riprese la sua attività solo nel 1940 con Il salice e Da sei libri, da queste due raccolte emerge un grande dolore e la ricerca della bontà degli uomini.

Il figlio Lev  è imprigionato nel periodo delle purghe staliniane.

Nel 1946 fu espulsa dall’Unione degli scrittori sovietici con l’accusa di estetismo e disimpegno politico. Fu riabilitata nel 1955 e nel 1962 pubblica  Il poema senza eroe un nostalgico ricordo del passato della storia russa, con la drammaticità che la nuova storia comporta.

Grande influenza ebbe Dante Alighieri nella sua poetica, la poetessa dichiarò più volte di continuare a leggerlo continuatamente.

Elisa Santucci

Pubblicato da Elisa Santucci

Sono Elisa Santucci , amministratrice e fondatrice dall'8 luglio 2016, questo blog è casa mia ed adesso anche casa vostra, cari lettori. Tutti abbiamo dei sogni nel cassetto e poiché i sogni son desideri ilo mio si è avverato grazie alla stima ed alla fiducia che voi tutti avete riposto in me. Insieme siamo riusciti a condividere le stesse passioni, emozionandoci giorno dopo giorno. Grazie alla bellezza della Poesia, della Mitologia, della Letteratura, dell’Arte e della Cultura in generale. Il nostro blog è una piccola finestra che si affaccia al mondo letterario ed all’amore per i libri che ancora oggi riesce ad ” unire ” persone di tutto il mondo. Fino a quando leggeremo saremo tutti più vicini, più uniti, più simili gli uni agli altri. Ricordate la lettura è libertà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.