Crea sito

Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare di Luis Sèpulveda

Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare

Luis Sèpulveda
I gabbiani sorvolano la foce dell’Elba, nel mare del Nord. “Banco di aringhe a sinistra” stride il gabbiano di vedetta e Kengah si tuffa. Ma quando riemerge, il mare è una distesa di petrolio. A stento spicca il volo, raggiunge la terra ferma, ma poi stremata precipita su un balcone di Amburgo. C’è un micio nero di nome Zorba su quel balcone, un grosso gatto cui la gabbiana morente affida l’uovo che sta per deporre, non prima di aver ottenuto dal gatto solenni promesse: che lo coverà amorevolmente, che non si mangerà il piccolo e che, soprattutto, gli insegnerà a volare. E se per mantenere le prime due promesse sarà sufficiente l’amore materno di Zorba, per la terza ci vorrà una grande idea e l’aiuto di tutti…

Introduzione

Il libro racconta la storia del gatto Zorba che si imbatte in una gabbiana ricoperta di petrolio in procinto di morire. La gabbiana ha appena fatto un uovo e fa promettere al gatto di avere cura del pulcino che nascerà, di nutrirlo e di insegnargli a volare.

Recensione

La recente scomparsa del grande scrittore Luis Sepùlveda, morto per coronavirus, mi ha molto colpito e mi ha indotto a rileggere la storia della gabbianella e del gatto. Ho cercato il libro in tutta la casa, senza trovarlo. L’avevo comprato tanti anni fa per leggerlo con i miei figli, sicura di trovarmi di fronte ad un racconto ingenuo e adatto solo ai più piccoli.
Invece ero rimasta folgorata da questa parabola edificante, scritta con parole semplici sì , ma mai banali, con parole che arrivano al cuore e alla mente dei più piccoli , ma anche dei grandi.
Sull’onda dell’entusiamo per il libro, poi, con i miei figli e una banda di ragazzini siamo subito accorsi a vedere il delizioso film di animazione tratto dal libro realizzato da Enzo D’Alò.
Alla fine, dopo una ricerca estenuante del libro in tutta la casa, l’ho trovato nella libreria di mia figlia tra i gialli di Geronimo Stilton e i libri di favole. Era sgualcito e con molte frasi sottolineate : evidentemente la bambina aveva talmente apprezzato la storia da leggerla chissà quante volte.
La vicenda è molto divertente e avvincente. Zorba , per non venire meno alla parola data alla gabbiana morente, incomincia dapprima a covare l’uovo, poi a nutrire il pulcino appena nato, ma per un gatto è molto difficile trovare il cibo per un uccello e ancora più difficile è tenere fede alla terza promessa, insegnargli a volare . Allora chiama a raccolta la sua banda di amici gatti per avere un consiglio e un aiuto.
Il libro ci parla di amicizia, di solidarietà, di rispetto per la natura, di rispetto per chi è diverso da noi:
“Ti vogliamo gabbiana. Sentiamo che anche tu ci vuoi bene, ed è bene tu sappia che con te abbiamo imparato qualcosa che ci riempie di orgoglio: abbiamo imparato ad apprezzare, a rispettare e ad amare un essere diverso. E’ molto facile accettare e amare chi è uguale a noi, ma con qualcuno che è diverso è molto difficile, e tu ci hai aiutato a farlo. Sei una gabbiana e devi seguire il tuo destino di gabbiana. Devi volare.”

Conclusioni

Luis Sepùlveda è stato scrittore , poeta, giornalista, regista, sceneggiatore ,attivista politico .
Molto vicino al presidente cileno Allende, dopo il colpo di stato del generale Augusto Pinochet viene arrestato due volte e condannato all’esilio . Ha viaggiato in tutto il mondo , anche al seguito degli equipaggi di Greepeace.
La storia della gabbianella e del gatto potrebbe essere bollata come una semplice favola per bambini, ma è invece un fulgido esempio di letteratura per ragazzi intrisa di tutto il vissuto di questo grande scrittore.

Voto

5/5

Recensione di Anna Gelardi

Anna Gelardi

Pubblicato da Anna Gelardi

Avvocato per tradizione familiare, lettrice per passione. Tirata per i capelli in questa avventura del blog dalla mia amica Rita, ci sto prendendo gusto. D’altronde è quello che ho sempre fatto fin da piccola: leggere, leggere, leggere. Spero di essere all’altezza delle aspettative e di riuscire a stimolare alla lettura tutti coloro che vorranno seguirmi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.