Crea sito

Secretum il codice L di PierLuigi Tombetti

Secretum il Codice L

PierLuigi Tombetti
Cesenatico, 6 settembre 1502
Leonardo Da Vinci comincia l’opera di ricognizione e misurazione del porto-canale di Cesenatico commissionatogli da Cesare Borgia. Durante i lavori entra fortunosamente in possesso di una serie di pergamene e mappe scampate a un naufragio, contenenti informazioni e disegni per comprendere il cosiddetto Secretum.
Rimini, oggi
Coinvolto in un misterioso caso, tra Londra e Cesenatico, riguardante l’assassinio di un informatore, il commissario capo Elia Laghi porta alla luce inquietanti risvolti sulla storia locale. Una misteriosa lettera indirizzata a George G. Byron da Percy B. Shelley durante il loro soggiorno a Ravenna, apre la via a una incredibile serie di ricerche relative al cosiddetto Secretum sul quale, a Villa Diodati, nei pressi del Lago di Ginevra, Shelley, Byron, J. W. Polidori e i loro amici tenteranno di indagare nella tempestosa notte del 16 giugno 1816. In quella stessa notte Mary W. Shelley iniziò la stesura della futura opera Frankenstein, o il Moderno Prometeo.
Scienza di frontiera, enigmi del passato e del presente si fondono in una trama avvincente nell’appassionante stile narrativo di SECRETUM – Il Codice L, illuminando la storia e la cultura di una Romagna mai vista prima sotto questa luce.

Introduzione

Pierluigi Tombetti,laureato in lettere con indirizzo storico all’Università Cà Foscari di Venezia, è considerato non solo tra i massimi studiosi del nucleo religioso nazista ma, da romanziere, è riuscito a combinare in maniera quasi sublime la passione per la ricerca scientifica all’inclinazione per la narrazione di avventura, fondendo magistralmente la storia reale con trame di pura fantasia.

Aneddoti personali

Esistono pubblicazioni in grado di aprire la mente a nuove prospettive, capaci di illuminare profondità inaccessibili e di rischiarare scorci e antri bui delle facoltà umane. E “Secretum-Il Codice L” appartiene certamente a questa tipologia di lettura.

Recensione

Charles Ponzi, uomo dalla discutibile morale, viene ritrovato cadavere, investito probabilmente da un mezzo che andava a velocità sostenuta. Il caso è assegnato a Elia Laghi, commissario capo di Rimini, tra l’altro conoscente della vittima in quanto Ponzi era stato un informatore del poliziotto. Le indagini partono immediatamente e, fin da subito, Laghi si rende conto di trovarsi di fronte ad un caso estremamente complesso e articolato: la ricerca dell’assassino si interseca inevitabilmente con un’appassionata e non semplice analisi storica, che inizia circa mezzo millennio fa, quando una galea della repubblica di Venezia naufraga di fronte all’antica Ariminum, l’odierna Rimini, in seguito a uno dei più forti temporali mai registrati nell’Alto Adriatico. Ma cosa trasportava questa imbarcazione e a chi era destinato questo carico speciale? E come mai Ponzi era coinvolto in una vicenda che aveva avuto origine cinquecento anni fa?
Tombetti, partendo dai quesiti che l’uomo si è sempre posto relativi all’origine della vita, traccia un eccellente excursus, argomentando tematiche storiche, scientifiche, etiche e mitiche, amalgamandole perfettamente alla storia romanzata.
Chi siamo? Cos’è la vita? È possibile preservarne la scintilla e donarla a chi muore? È possibile allungare la miserabile durata di una vita umana? In che momento e come la scintilla della vita era sorta ed era stata donata all’uomo? Qual è il confine tra la vita e la morte?
Partendo dal mito di Prometeo, lo scrittore evidenzia con grande perizia gli studi anatomici e non solo di Leonardo Da Vinci, i concetti trattati da uomini di notevole spessore come George Gordon Byron e Percy Bysshe Shelley, la “nascita” del “Prometeo moderno” o “Frankenstein”, il fenomeno oggi conosciuto come il “Limite di Hayflick”, la “Costante di Fidia” e la “Successione di Fibonacci”.
Un romanzo, dunque, articolato, appassionante e avvincente, la cui scrittura fluida e priva di sbavature, trascina il lettore pagina dopo pagina, senza mai deluderlo.
Un vero e proprio viaggio, che si snoda tra Cesenatico, Rimini e Ravenna, terre meravigliose, ricche di storia e di cultura, ma anche di ospitalità, cucina eccellente e di persone solari e seducenti.
Una lettura sospesa tra presente e passato, magnetica e coinvolgente, che consiglio vivamente.

Conclusioni

A mio avviso, esistono misteri tanto inspiegabili quanto irrisolvibili. E alcuni di essi, evidentemente, sono destinati a rimanere tali. E noi tutti esseri viventi, probabilmente, abbiamo sì il diritto di porci delle domande e di ricercare le relative risposte, ma più di tutto abbiamo il dovere di godere pienamente di questo immenso dono che è la vita, avendone riguardo e rispettandola, sempre e comunque.

Citazioni

Questo è un mondo di luci e di tante ombre…

“Il Secretum appariva come un tesoro straordinario in grado di attirare la brama di tutti perché forniva risposte alle domande che da sempre l’uomo si pone sull’origine della vita, sullo scopo dell’esistenza e sul perché il cosmo, la natura, sia a livello astronomico che sub-atomico, sono quello che sono.”

Recensione di Fabiana Manna

Fabiana Manna

Pubblicato da Fabiana Manna

Salve! Sono Fabiana Manna e adoro i libri, l’arte, la musica e i viaggi. Amo la lettura in ogni sua forma, anche se prediligo i thriller, i gialli e i romanzi a sfondo psicologico. Sono assolutamente entusiasta dell’idea della condivisione delle emozioni, delle impressioni e delle percezioni che scaturiscono dalla lettura e dalla cultura. Spero di essere una buona compagna di viaggio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.