Crea sito

Mandami tanta vita, Paolo di Paolo

Mandami tanta vita, Paolo di Paolo

Mandami tanta vita, Paolo di Paolo

Autore: Paolo Di Paolo

Titolo: Mandami tanta Vita

Editore: Feltrinelli

Collana: Universale Economica

Anno: 2014

Pagg. 164 – Brossura

Prezzo: € 8,00

Ambientato a Torino nel 1926. Moraldo, Carlotta e Piero Gobetti; tre vite completamente diverse e che ciò nonostante sono destinate ad incrociarsi. Moraldo, studente universitario, scopre di aver smarrito la sua valigia durante il viaggio verso Torino dove dovrà sostenere un esame. Valigia scambiata erroneamente con quella di Carlotta, giovane fotografa di strada, alquanto disinvolta e disinibita per il tempo, e con la quale intraprenderà una “liaison amoureuse” così intensa da farlo giungere fino a Parigi pur di rincontrarla. Parigi dove Piero Gobetti, fondatore di una rivista e di una casa editrice, a causa dei suoi ideali politici antifascisti e pertanto sovversivi, è costretto a trasferirsi lasciando la moglie e il figlio appena nato. Moraldo ha una segreta ammirazione per Gobetti; lo vorrebbe imitare e soprattutto incontrare, ma ogni tentativo diventa vano. L’autore narra una vicenda di fantasia partendo dalla realtà. Piero Gobetti è un personaggio realmente esistito e che, negli anni Venti del secolo scorso, ha dedicato la sua breve vita (morto a soli 25 anni a causa delle violenze subite da parte dei fascisti, che altro non fecero che accelerare un processo naturale viste le sue già precarie condizioni di salute),ad un ideale troppo rivoluzionario per l’epoca. Non è, comunque, un romanzo storico ma, partendo dalla storia, parla di emozioni e di sentimenti, di problemi concreti, di passioni in senso lato, di ideali, di vita.  La scrittura è fluida e lascia emergere lo stato d’animo di ogni singolo personaggio. Dalle tracce di Gobetti, l’autore porta a riflettere e a chiedersi se l’impegno e la volontà possano bastare da sole a raggiungere degli obiettivi e a portare avanti degli ideali.  Se si possa essere “liberi” senza essere “costretti” ad andarsene.

“……..Basta volerle le cose, no? Basta infinitamente volerle…..”  “……La volontà è tutto… le cose che vuoi accadono…… l’importante è non cedere… non cedere a nulla, salvare il tempo, salvare proprio ogni singolo secondo, ogni minuto, ogni ora……”. 

  Teresa Anania

 

Paolo Di Paolo nasce a Roma il 07 giugno 1983  .Laureato in Lettere  Ha esordito nel 2004 con i racconti Nuovi cieli, nuove carte (Empirìa, 2004, finalista Premio Italo Calvino per l’inedito 2003). Nel 2003 è stato tra i cinque finalisti nazionali del Premio Campiello Giovani. Ha curato una serie di libri-intervista e testi teatrali e diverse antologie. Nel 2008 ha pubblicato il romanzo Raccontami la notte in cui sono nato  Nel 2011 è uscito Dove eravate tutti . Nel 2012 ha raccolto in La fine di qualcosa. Scrittori italiani tra due secoli saggi e articoli sugli scrittori italiani contemporanei. Del 2013 è Mandami tanta vita (Feltrinelli), finalista Premio Strega e vincitore del Premio Salerno Libro d’Europa e del Premio Fiesole.  Nel 2016 ha pubblicato il romanzo Una storia quasi solo d’amore (Feltrinelli), il saggio Tempo senza scelte(Einaudi) e Viaggio a Roma con Nanni Moretti (Bompiani). Per bambini e ragazzi ha scritto La mucca volante (Bompiani 2014, finalista Premio Strega Ragazze e Ragazzi), Giacomo il signor bambino (Rrose Sélavy 2015) e un adattamento della Divina Commedia (La Nuova Frontiera Junior). Nel 2017, per Bompiani, pubblica Papà Gugol, con le sue illustrazioni. Collabora con La Repubblica e L’Espresso. Conduce dal 2006 le Lezioni di Storia all’Auditorium Parco della Musica di Roma e collabora come autore a programmi culturali.

Trama:

Moraldo, arrivato a Torino per una sessione d’esami, scopre di avere scambiato la sua valigia con quella di uno sconosciuto. Mentre fatica sui testi di filosofia e disegna caricature, coltiva la sua ammirazione per un coetaneo di nome Piero. Alto, magro, occhiali da miope, a soli ventiquattro anni Piero ha già fondato riviste, una casa editrice, e combatte con lucidità la deriva autoritaria del Paese. Sono i giorni di carnevale del 1926. Moraldo spia Piero, vorrebbe incontrarlo, imitarlo, farselo amico, ma ogni tentativo fallisce. Nel frattempo ritrova la valigia smarrita, ed è conquistato da Carlotta, una fotografa di strada disinvolta e imprendibile in partenza per Parigi. Anche Piero è partito per Parigi, lasciando a Torino il grande amore, Ada, e il loro bambino nato da un mese. Nel gelo della città straniera, mosso da una febbrile ansia di progetti, di libertà, di rivoluzione, Piero si ammala. E Moraldo? Anche lui, inseguendo Carlotta, sta per raggiungere Parigi. L’amore, le aspirazioni, la tensione verso il futuro: tutto si leva in volo come le mongolfiere sopra la Senna. Che risposte deve aspettarsi? Sono Carlotta e Piero, le sue risposte? O tutto è solo un’illusione della giovinezza? Paolo Di Paolo, evocando un protagonista del nostro Novecento, scrive un romanzo appassionato e commosso sull’incanto, la fatica, il rischio di essere giovani.

Teresa Anania

Pubblicato da Teresa Anania

Eccomi..... Sono Teresa Anania, e ho una passione sfrenata per i libri. Un amore iniziato ad otto anni e cresciuto nel tempo. Amo scrivere e riversare, nero su bianco, emozioni, sentimenti e pensieri concreti e astratti. La musica è la colonna sonora della mia vita. Ogni libro lascia traccia dentro di noi e con le recensioni, oltre a fornire informazioni "tecniche", si tenta di proiettare su chi le leggerà, le sensazioni e le emozioni suscitate. Beh..... ci provo! Spero di riuscire a farvi innamorare non solo dei libri ma della cultura in senso lato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.