Crea sito

Le mie stories di Benedetta Frezzotti

Le mie stories

Benedetta Frezzotti
“Ero sicuro, anche, che da grande avrei fatto il drago. Ora sono cresciuto, e voglio fare l’Instagrammer”. Ecco la confessione del sogno di un bambino di nome Daniele, un giorno tra i banchi di scuola durante un tema. Disposto a tutto per imparare a fare belle fotogra?e nei social, il nostro eroe decide di fondare un club super esclusivo per veri amanti della fotogra?a. Questa sarà l’avventura che insegnerà a Daniele e ai suoi amici di riscoprire la realtà, di stare insieme e di perdonare qualche bulletto di troppo! Età di lettura: da 7 anni.

Introduzione

“Per fortuna a questo punto la mamma si è intromessa e ha sussurrato al papà: ”Piano B”, poi mi ha mandato a letto e prima del bacio della buona notte mi ha detto: “Se davvero vuoi fare l’Instagrammer, domani ci pensa la tua mammina…”
Voleva essere una coccola, ma per un attimo è suonata come una minaccia… non so perché!”

Recensione

Daniele in un tema in classe scrive che da grande vuole fare l’instagrammer. Urge l’intervento degli adulti . il rischio è grande, i bambini sono attratti da cose non adatte a loro.
Un libro educativo aull’importanza di avere una passione, ma anche imparare a fare le cose con lagiusta preparazione dietro. La mamma di Daniela non interviene con un divieto tipo “ tu sei troppo piccolo “, avrebbe l’ovvio risultato di farlo innamorare ancora di più della sua idea. Quando i genitori riescono ad andare oltre il loro ruolo di educatori che dicono no. Ed ecco che Daniele insieme alla sua mamma impara a fotografare: come fare l’instagrammer se non si è capace di fare buone fotografie?

“ Non mi serviva mostrare tutta la fontana per raccontare che c’è una fontana,mi basta che si veda questo pezzo, il resto puoi immaginarlo tu. Si dice inquadrare: quando lo fai decidi cosa raccontare e cosa lasci fuori”.

Il ragazzo si appassiona alla fotografia ed insieme a due amici crea un club della fotografia. I tre ragazzi imparano a tirar fuori la fantasia insieme all’arte della fotografia; riescono a superare il bullismo dei ragazzi dell’altra classe a cui i genitori hanno dato il permesso di usare lo smartphone ed avere un profilo instagram.
Una storia per bambini illustrata, insegna i rudimenti della fotografia con un linguaggio adatto ai più piccoli e soprattutto insegna a prepararsi prima di intraprendere nuove avventure.
Le illustrazioni sono molto carine, corredate da fumetti per i dialoghi, una lettura simpatica ed allo stesso tempo pedagogica. I ragazzi imparano l’importanza della preparazione, di essere sempre sé stessi, non inseguire il branco e non sentirsi in imbarazzo davanti a nessuno solo perché si amano altre cose.
Un modo intelligente per instillare sicurezza nei bambini bombardati da più parte dai social, dal web dove i ragazzi dovrebbero andare solo accompagnati dai genitori, mai i bambini non dovrebbero andarci mai. I bambini per crescere equilibrati hanno bisogno di usare la manualità, la fantasia . come scriveva Gianni Rodari “„La mente è una sola. La sua creatività va coltivata in tutte le direzioni., la conoscenza delle cose, l’imparare a fare le cose bene e credere sempre in sé stessi è l’insegnamento primario di questo ottimo libro per l’infanzia.
Ne consiglio sicuramente la lettura accompagnati magari dai genitori; può essere d’aiuto anche agli educatori nell’approccio a divieti difficili, in quest’epoca in cui i piccoli sono bombardati da troppi impulsi esterni , sicuramente non adatti alla loro giovane età. A volte un divieto può essere salutare, ma la differenza la fa sicuramente l’approccio e la motivazione con cui un genitore devia l’interesse del bambini verso strade più adatte al loro percorso di crescita.
L’autrice oltre a scrivere il testo ha illustrato sapientemente il libro , complimenti anche per le illustrazioni ed i fumetti dialoghi.

Voto

5/5

Citazioni

Eravamo così presi che non ci siamo accorti che era ora di pranzo.Siamo corsi a casa dove un afamato pa pà aveva preparato la pizza.L’ho fotografata con lui, la mia foto era più bella di quella di papà, perché ho inquadrato solo un pezzo, quello con più würstel e con un bel raggio di sole che ci cadeva sopra. Quindi alla fne ha messo la mia foto su Instagram invece della sua. Mentre controllavamo i like della pizza abbiamo visto un bellissimo elefante, allora abbiamo cercato altre foto simili. Una meraviglia! Ci sono anche dei siti con i documentari fotografici sulla vita degli animali. Quasi meglio dei cartoni…

Recensione di Elisa Santucci

Elisa Santucci

Pubblicato da Elisa Santucci

Sono Elisa Santucci , amministratrice e fondatrice dall'8 luglio 2016, questo blog è casa mia ed adesso anche casa vostra, cari lettori. Tutti abbiamo dei sogni nel cassetto e poiché i sogni son desideri ilo mio si è avverato grazie alla stima ed alla fiducia che voi tutti avete riposto in me. Insieme siamo riusciti a condividere le stesse passioni, emozionandoci giorno dopo giorno. Grazie alla bellezza della Poesia, della Mitologia, della Letteratura, dell’Arte e della Cultura in generale. Il nostro blog è una piccola finestra che si affaccia al mondo letterario ed all’amore per i libri che ancora oggi riesce ad ” unire ” persone di tutto il mondo. Fino a quando leggeremo saremo tutti più vicini, più uniti, più simili gli uni agli altri. Ricordate la lettura è libertà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.