Crea sito

La donna dei sigari di Alessandro Testa

La donna dei sigari

Alessandro Testa
Giugno 1940. L’esercito tedesco marcia su Parigi, Mussolini schiera le forze italiane sulle Alpi e attacca a sua volta la Francia, nel Mediterraneo si combatte, vieni nei cieli della Cirenaica. Immaginate di vedere tutto questo dall’alto, una panoramica dell’insieme sull’Europa e sul mondo intero. Poi, le luci si concentrano su tre punti diversi della terra, un’inchiesta su tre uomini, giovani in un’epoca in cui la giovinezza equivale a una condanna. A Roccaspina, un piccolo paese dell’Italia centrale, vive Ardito, detto Tuccio, comanda la tenenza locale dei Carabinieri e vive una storia d’amore segreta con la figlia del podestà. A Greifswald, nella Germania nord orientale, incontriamo Harald, tenente della polizia locale, in lotta con l’ex migliore amico per una ragazza. Vincent invece è a New Haven, sulla costa est degli Stati Uniti: da poco orfano, innamorato della nipote di un capo mafioso, non ha ancora trovato un equilibrio. La guerra stravolge le loro vite e per vie diverse il destino li condurrà a incontrarsi proprio a Roccaspina. Harald e Vincent su fronti diversi e Ardito su un fronte che cambia, dove chi era amico da un giorno all’altro diventa nemico. In un intreccio emozionante tra vicende storiche e personali, l’autore ci regala un romanzo epico, popolato da uomini e donne che lottano per sopravvivere e per mantenere i propri sogni e la propria umanità.Una storia perfetta per i fan di Ken Follett e Nelson DeMille dove chi era amico da un giorno all’altro diventa nemico. In un intreccio emozionante tra vicende storiche e personali, l’autore ci regala un romanzo epico, popolato da uomini e donne che lottano per sopravvivere e per mantenere i propri sogni e la propria umanità.Una storia perfetta per i fan di Ken Follett e Nelson DeMille dove chi era amico da un giorno all’altro diventa nemico. In un intreccio emozionante tra vicende storiche e personali, l’autore ci regala un romanzo epico, popolato da uomini e donne che lottano per sopravvivere e per mantenere i propri sogni e la propria umanità.Una storia perfetta per i fan di Ken Follett e Nelson DeMille
Alessandro Testa
53 anni, nato a Salerno e cresciuto a Napoli, Alessandro Testa è laureato in medicina specializzandosi in cardiochirurgia. Ha vissuto e lavorato a Londra, Torino, Firenze e adesso opera a Catanzaro, in un centro cardiochirurgico di eccellenza. Ha iniziato a scrivere intorno al 2000 e nel 2004 è entrato nel forum Leggendoscrivendo per il quale ha prodotto una cinquantina di racconti. Ha all’attivo 5 romanzi, 4 mai pubblicato. Morti e sepolti, è stato finalista nell’edizione 2015 del Premio Alberto Tedeschi per il miglior romanzo giallo italiano, pubblicato nel 2017 dalle Edizioni Il Vento Antico è stato numero uno in Amazon nella categoria gialli per oltre un mese. 53 anni, nato a Salerno e cresciuto a Napoli, Alessandro Testa si è laureato in medicina specializzandosi in cardiochirurgia. Ha vissuto e lavorato a Londra, Torino, Florence e ora opera a Catanzaro, in un eccellente centro cardiaco. Ha iniziato a scrivere intorno al 2000 e nel 2004 è entrato nel forum Leggendoscrivendo per il quale ha prodotto cinquanta racconti. È autore di quattro romanzi inediti. Morti e sepolti è stato finalista nell’edizione 2015 del Premio Alberto Tedeschi per il miglior romanzo giallo italiano. Pubblicato nel 2017 da Edizioni Il Vento Antico Morti e sepolti è stato il numero uno su Amazon per più di un mese.

Introduzione

“La donna dei sigari” è un romanzo storico ambientato nel periodo della seconda guerra mondiale e pubblicato nel 2018 da “Edizioni Il Vento Antico”. L’autore, Alessandro Testa, laureato in medicina e specializzato in cardiochirurgia, con un altro suo romanzo, “Morti e sepolti”, è stato finalista nell’edizione 2015 del Premio Alberto Tedeschi per il miglior romanzo giallo italiano.

Aneddoti personali

Secondo Cicerone, “La storia è testimonianza del passato, luce di verità, vita della memoria, maestra di vita, annunciatrice dei tempi antichi.”
E per chi, come me, è fortemente attratto dai romanzi storici, e in particolare a quelli relativi al periodo del secondo conflitto bellico, non può assolutamente evitare di immergersi nella lettura di questo libro, forte come un pugno allo stomaco ma, allo stesso tempo, sfumato da una tenerezza straordinaria.

Recensione

È primavera inoltrata quando, dal balcone di Palazzo Venezia, a Roma, Benito Mussolini annuncia pubblicamente l’entrata in guerra dell’Italia. È l’alba di un periodo che si rivelerà nefasto e terribile, per l’Italia e per il mondo intero. E mentre gli eserciti vengono schierati in mezza Europa, il destino di tre giovani uomini si compie.
Ardito Manzi, detto Tuccio, comanda la tenenza dei carabinieri a Roccaspina, un piccolo paesino dell’Italia centrale ed è ossessionato dalla ricerca spasmodica dell’assassino di suo padre, ucciso quando lui era solo un bambino.
Harald Stolzer, vive nella Germania nord orientale, a Greifswald, è un tenente di polizia, mandato poi in Italia perché conosce bene la lingua.
Vincent Cacace, dal temperamento irruento, vive a New Haven, sulla costa est degli Stati Uniti. Anch’egli rincorre una verità dolorosa…
La guerra li farà incontrare tutti proprio a Roccaspina, e tutti avranno un denominatore comune: far combaciare i pezzi del puzzle della propria esistenza.
Dolore, rabbia, paura, ma anche speranza, cameratismo, amore, mutuo soccorso, sono gli elementi distintivi che il lettore vivrà insieme ai protagonisti, sfogliando capitoli di orrore e devastazione relativi a un periodo che ha cambiato per sempre il corso della storia mondiale e, inevitabilmente, quella personale di ogni individuo.
“…Sappi che non c’è guerra che sia giusta, men che meno sacra.”
“La donna dei sigari” è un romanzo intenso e vivido, che ripercorre fedelmente l’evoluzione di una guerra disastrosa, partendo dalla dichiarazione di guerra pronunciata da Mussolini, passando per la firma dell’armistizio ad opera del Generale Badoglio nel settembre 1943 e andando anche oltre, fondendo egregiamente fatti realmente accaduti con storie di pura fantasia.
Non è un libro da divorare, né da leggere a cuor leggero, né ci sono racconti particolarmente cruenti o violenti. Ed è proprio questa la particolarità che lo differenzia da altri romanzi che hanno trattato la stessa tematica: l’aver saputo introdurre in un contesto storico di portata mondiale, storie di vita semplici, di normale quotidianità, di azioni e reazioni di persone che hanno visto stravolgere le proprie vite da un evento funesto e inspiegabile come solo una guerra sa fare.

Conclusioni

Malcom X sentenziava: “La storia è la memoria di un popolo, e senza una memoria, l’uomo è ridotto al rango di animale inferiore.”
Abbiamo tutti il dovere di non dimenticare, mai, né gli orrori, né le gesta eroiche compiute da milioni di individui solo pochi decenni fa. E questo splendido romanzo, che consiglio vivamente, ci aiuta a non cadere nella trappola dell’oblio.
Buona lettura!

Voto

5/5

Citazioni

“Seguire le passioni aiuta a vivere, ma se non si riesce a dominarle si rischia di mettersi nei guai.”

La guerra distrugge e cancella; è un giorno, le stesse persone che ora marciano trionfanti per le strade di Berlino o di Parigi, sognando di invadere e conquistare Londra, annegheranno nel sangue del loro stesso massacro.”

Recensione di Fabiana Manna

Pubblicato da Fabiana Manna

Salve! Sono Fabiana Manna e adoro i libri, l’arte, la musica e i viaggi. Amo la lettura in ogni sua forma, anche se prediligo i thriller, i gialli e i romanzi a sfondo psicologico. Sono assolutamente entusiasta dell’idea della condivisione delle emozioni, delle impressioni e delle percezioni che scaturiscono dalla lettura e dalla cultura. Spero di essere una buona compagna di viaggio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.