Crea sito

Il ragazzo di Berlino di Paul Dowswell

Il ragazzo di Berlino

Paul Dowswell
Germania, 1972. Alex Ostermann vive con la sua famiglia a Berlino Est. I genitori hanno credenziali irreprensibili per il regime, ma lui e sua sorella Geli non sposano interamente la propaganda sovietica e si ‟ostinano” a vedere del buono nella cultura occidentale. Alex è affascinato dalla musica rock, ascolta di nascosto i Rolling Stones e i Led Zeppelin e ha perfino formato una piccola band con i suoi amici. Geli, sempre vestita di nero e con le sue fotografie di edifici in rovina, mostra inclinazioni ‟decadenti”. A casa, i genitori fingono di disapprovare le passioni dei figli, mentre l’unica a parlare in modo critico del regime è la nonna. Alla fine, l’eccessivo ‟individualismo” dei ragazzi, pericoloso per la ‟causa socialista”, attira l’attenzione della Stasi, che comincia a tenerli d’occhio. Quando le pressioni diventano insopportabili, la famiglia Ostermann riesce a fuggire dalla Ddr, ma a un prezzo che Alex e Geli non sono disposti a pagare.
L’autore
Paul Doswell ha lavorato a lungo nell’editoria prima di diventare scrittore. Per Bloomsbury ha pubblicato una trilogia storica ambientata nell’Inghilterra dell’Ottocento. Con Feltrinelli “Kids” ha pubblicato Ausländer (2010), Il ragazzo di Berlino (2012; in “Up”, 2017), L’ultima alba di guerra (2013; in “Up”, 2016), Tra le mura del Cremlino (2014) e I figli del lupo. Berlino 1945: sopravvivere non è un gioco (2018).

Introduzione

In pieno regime totalitario sotto il controllo della Stasi, la storia di un ragazzo che vive in Germania dell’Est , che ama la musica e vorrebbe vivere in libertà, ma purtroppo vive a Berlino Est.

Aneddoti personali

Nel trentennale della caduta del Muro di Berlino che di fatto teneva imprigionati chi per sfortuna abitava nella parte sbagliata di Berlino, ero incuriosita di capire come poteva un giovane accettare di essere sorvegliato solo perché desiderava una vita normale.

Recensione

“Il ragazzo di Berlino” è ambientato nel 1972 nella DDR, in piena guerra fredda. Alex Ostermann è un adolescente che ama ascoltare la musica occidentale e suonare la chitarra. Basta questo a farlo ritenere un sovversivo dal regime e dalla Stasi, la polizia segreta della Repubblica Democratica Tedesca, la Germania Orientale, quella parte di Berlino al di là del muro.
Da qui cominciano le disavventure del ragazzo, seguito dalla Stasi, costretto dalle autorità ad interrompere gli studi dopo il liceo. Nella DDR, infatti, proseguire il percorso culturale dipende non solo e non tanto dai propri meriti scolastici, quanto dall’omologazione al partito ed alla vita socialista.
Alex appartiene ad una famiglia perfettamente integrata nella vita nella DDR, ma “purtroppo” sia lui che la sorella Geli amano pensare con la loro testa e non certo essere degli automi. Questo porterà tutta la famiglia a fuggire all’Ovest con ripercussioni pesantissime per i genitori.
Il romanzo racconta la vita oltre un muro senza senso, dove è vietato pensare e seguire le inclinazioni personali. L’intelligenza e l’individualismo, nel senso buono del termine, sono ovviamente invisi ad un regime che vuole e deve controllare la mente dei suoi cittadini.
La storia ha la giusta suspense che ti fa andare avanti nella lettura con piacere.
Tratta della vita di un ragazzo di sedici anni, ma anche di spionaggio e controspionaggio, propri della guerra fredda in atto in quegli anni tra blocco sovietico comunista e mondo occidentale.

Conclusioni

“Il ragazzo di Berlino” è un libro nato come letteratura per ragazzi, con una scrittura semplice e forse anche un po’ didattica, ma che riesce comunque a dare un quadro preciso della vita quotidiana dei cittadini della DDR. Un bel testo, ideale per i giovani, per far conoscere loro la storia recente, magari da far leggere anche a scuola, ma, nel contempo, una lettura adatta anche per gli adulti.

Voto

4/5

Recensioni di Santucci Elisa

Elisa Santucci

Pubblicato da Elisa Santucci

Sono Elisa Santucci , amministratrice e fondatrice dall'8 luglio 2016, questo blog è casa mia ed adesso anche casa vostra, cari lettori. Tutti abbiamo dei sogni nel cassetto e poiché i sogni son desideri ilo mio si è avverato grazie alla stima ed alla fiducia che voi tutti avete riposto in me. Insieme siamo riusciti a condividere le stesse passioni, emozionandoci giorno dopo giorno. Grazie alla bellezza della Poesia, della Mitologia, della Letteratura, dell’Arte e della Cultura in generale. Il nostro blog è una piccola finestra che si affaccia al mondo letterario ed all’amore per i libri che ancora oggi riesce ad ” unire ” persone di tutto il mondo. Fino a quando leggeremo saremo tutti più vicini, più uniti, più simili gli uni agli altri. Ricordate la lettura è libertà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.