Crea sito

“I due volti del tempo – su caso e sincronicità”, di Alessandro Orlandi

“I due volti del tempo – su caso e sincronicità”

Alessandro Orlandi
Questo libro si sofferma su vari aspetti del princìpio di sincronicità: dal punto di vista della Magia Tradizionale, dal punto di vista di diversi sistemi divinatori (I Ching, Tarocchi, Astrologia tradizionale), secondo la scienza, secondo la psicologia junghiana e alla luce di ciò che dicono le grandi Tradizioni, quella ermetica e quella cristiana in particolare, sul nostro rapporto con il Tempo sacro e profano, i simboli, lo Spirito e la Grazia.

Introduzione

“ Il krònos o tempo degli uomini, un tempo che scorre ritmando l’accadere e che può essere suddiviso in istanti successivi e numerato, e l’aiòn, o tempo degli Dei e degli eroi, che caratterizza la dimensione immutabile e trascendente degli esseri divini.” (A. Orlandi)

Recensione

Che cos’è il caso?  E cosa si intende per sincronicità? Apparentemente due concetti alquanto semplici ma, se si prova a dare una spiegazione ci si rende conto che non è affatto così. La filosofia distingue due tipologie di caso,quello che accade per cause che sicuramente esistono ma non sono identificabili, e quello che si verifica senza una causa ben precisa.  A parlare di sincronicità fu lo psicoanalista Gustav Jung che lo definì “un principio di nessi a-causali”, ovvero due eventi legati tra loro che avvengono contemporaneamente ma nessuno dei due influisce sull’altro.  Pertanto, tutto ciò che accade nella nostra vita ha una ragione e una motivazione ben precisa, dalla più banale a quella più importante e talvolta grave. Non sempre ci è dato sapere, nell’immediatezza dell’evento, il perché quella determinata cosa si sia verificata o quale sia la motivazione per la quale il nostro cammino abbia incrociato quello dei determinate persone, a volte anche negativamente influenti sulla nostra vita, ma nulla accade per caso … mai!  (A tal proposito è molto interessante il saggio di Robert Hopcke “Nulla succede per caso”).  Sulla base di tutto ciò, quindi, è chiaro che le coincidenze non esistano, non come si è soliti identificarle quanto meno, ma esistono eventi sincronistici che racchiudono significati ben precisi.  Partendo da tutto questo, Alessandro Orlandi analizza il principio di sincronicità sotto molteplici punti di vista e toccando inoltre campi  differenti e lontani l’uno dall’altro: mette a confronto sacro e profano, scienza e religione, psicologia ed esoterismo.  Orlandi fa sue tanto le teorie di Jung quanto quelle del fisico Pauli, secondo cui lo scorrere della nostra vita non è scandito solo dal tempo che passa senza fare sconti a nessuno ma da un principio di spiritualità collegato direttamente al tempo.  Il tempo quindi ha due volti, quello della scienza e quello della spiritualità.  Ecco pertanto, che tutto viene abilmente e sapientemente confrontato con magia, simbolismo, astrologia, arti profetiche e divinatorie, storia delle religioni orientali e occidentali, senza tralasciare naturalmente una parte fondamentale dell’essere umano: la psiche.  Chi non si è mai trovato di fronte a eventi apparentemente strani o inspiegabili? Quante volte si è cercato di dare una spiegazione attraverso l’intercessione divina? Quanto riesce a condizionare e a coinvolgere emotivamente tutto ciò? Cos’è il destino, ed esiste davvero un daimòn in grado di dirigere i nostri passi attraverso lo scorrere del tempo?  Tante e infinite sono le domande alle quali ognuno di noi può fornire differenti risposte in virtù delle proprie esperienze e del proprio vissuto personale, oltre che al contesto sociale e culturale di appartenenza.  Ma qualunque possa essere la risposta, nessuna potrà essere univoca e definitiva tranne quella di non smettere mai di interrogarsi e porsi quesiti su tutto …

Conclusioni

Pur sembrando concetti complicati, Orlandi utilizza un linguaggio e uno stile comprensibile  a tutti e non solo agli esperti o appassionati del settore, arrivando alla fine di questo breve saggio di poco più di cento pagine, a narrare alcune esperienze personali per far meglio comprendere il principio di sincronicità.   Un bel saggio consigliato a tutti e in particolar modo a quanti abbiano voglia di mettersi in discussione su determinate teorie a volte talmente radicate da essere considerate assiomi inconfutabili.
 
Teresa Anania

Voto

5/5

Recensione di Teresa Anania

Teresa Anania

Pubblicato da Teresa Anania

Eccomi..... Sono Teresa Anania, e ho una passione sfrenata per i libri. Un amore iniziato ad otto anni e cresciuto nel tempo. Amo scrivere e riversare, nero su bianco, emozioni, sentimenti e pensieri concreti e astratti. La musica è la colonna sonora della mia vita. Ogni libro lascia traccia dentro di noi e con le recensioni, oltre a fornire informazioni "tecniche", si tenta di proiettare su chi le leggerà, le sensazioni e le emozioni suscitate. Beh..... ci provo! Spero di riuscire a farvi innamorare non solo dei libri ma della cultura in senso lato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.