Crea sito
  • Musica e dintorni

    Lucio Battisti,storia di un genio della musica italiana tra i più grandi di sempre.

    Non esiste tempo in grado di scalfire le emozioni, i ricordi, le sensazioni che solo la grande musica è in grado di donarci. Perfezionista, innovativo, determinato, irrequieto, Lucio Battisti è stato tra i più grandi e autorevoli musicisti italiani di sempre, che ha saputo rivoluzionare la canzone tradizionale e melodica, riuscendo a imprimere uno stile poetico anche per quelle tematiche ritenute ormai passate e controverse. Nato il 5 marzo 1943 a Poggio Bustone (RI), si trasferisce con la famiglia a Roma nel 1950. Inizia ad appassionarsi alla chitarra, che riceve in dono dai genitori dopo il conseguimento della licenza media. Dopo una prima esperienza infruttuosa a Napoli nel 1962 con…

  • Musica e dintorni

    Lucio Dalla : Parole, musica e poesia: storia di un artista senza tempo.

    “Anche se il tempo passa, e tu vita non sei più la stessa, la voglia che ho di te non l’ho mai persa.” Avrebbe compiuto 69 anni il 4 marzo del 2012, invece il grande cantautore muore tre giorni prima per un attacco cardiaco a Montreaux, in Svizzera, dove si trovava per una serie di concerti. Nato a Bologna nel 1943, resta orfano di padre all’età di sette anni e in alcune interviste a tal proposito dirà: “Avevo sette anni… Provai la sensazione struggente di una perdita che consentiva di dire a me stesso con pietà e tenerezza: da oggi sei solo come un cane.” Oppure: “Così ho imparato a…

  • Musica e dintorni

    Vasco Rossi

    “La bellezza delle canzoni è che parli da cuore a cuore, senza bisogno di usare il cervello, e quando arriva questa vibrazione, insieme, è una libidine pazzesca.” Il più grande rocker italiano, fuori dai ranghi, sopra le righe, festeggia i suoi 67 anni! Nato a Zocca nel 1952 e figlio unico, cresce in un clima sereno e pregno di affetto. Si approccia alla musica grazie alla mamma che, da piccolo, lo iscrive a una scuola di canto. Appassionato anche di teatro, nel 1975 fonda nella sua città natale la prima Radio libera, “Punto Radio”, che rappresenterà un’esperienza decisiva per la sua carriera. Nel 1977 incide il suo primo 45 giri,…

  • Musica e dintorni

    Axl Rose : Genio e sregolatezza di un frontman lucido ed eccessivo.

    Genio e sregolatezza di un frontman lucido ed eccessivo. Sono 57 primavere oggi per Axl Rose, pseudonimo di William Bruce Rose Jr. Nato a Lafayette, fu abbandonato dal suo padre biologico quando aveva solo due anni e crebbe con il nuovo marito della madre, Stephen Bailey, uomo molto severo e devoto cristiano, che gli impartì una rigida educazione religiosa ma, al contempo, lo molestava sessualmente. Di conseguenza, la sua infanzia e la sua adolescenza furono segnate irreversibilmente e, dopo innumerevoli contrasti e scontri anche con le forze dell’ordine, sarà pervaso da una forte voglia di riscatto e il suo spirito ribelle, permeato dall’amore sconfinato per la musica, lo indurrà a…

  • Musica e dintorni

    Fabrizio De Andrè, il cantore degli ultimi

    “De André non è stato mai di moda. È infatti la moda, effimera definizione, passa. Le canzoni di Fabrizio restano.” (Nicola Piovani) “…dai diamanti non nasce niente Dal letame nascono i fior…” Frase questa, a tutti nota, tratta dalla celebre canzone “Via del Campo”, del compianto cantautore Fabrizio Cristiano De André, per tutti semplicemente Fabrizio De André, scomparso a Milano esattamente venti anni fa, ucciso da un carcinoma polmonare. Nasce il 18 febbraio 1940 a Pegli, un quartiere di Genova, da una famiglia borghese con la quale si trasferisce in una campagna dell’astigiano per difendersi dalla guerra, per poi tornare a Genova nel ’45. La sua ribellione innata non tarda…

  • Musica e dintorni

    David Bowie l’indimenticabile Duca Bianco

    “David Bowie non è morto. Sono solo tornati a riprenderselo.” Steve Kitkars. Sono già trascorsi tre anni dalla morte del Duca Bianco, avvenuta probabilmente in una clinica oncologica di New York per un tumore al fegato, malattia di cui erano a conoscenza solo pochi amici e familiari. Il produttore Tony Visconti, in un’intervista avrebbe detto: “Ha sempre fatto quello che voleva. E voleva farlo a modo suo, e voleva farlo al meglio. La sua morte non è stata diversa dalla sua vita: un’opera d’arte. Ha fatto “Blackstar” per noi, è stato il suo regalo d’addio. Sapevo da un anno che sarebbe andata così. Non ero preparato, però. È stato un…

UA-66560550-3