Crea sito

Alessandro Manzoni, il caposcuola del romanticismo italiano…

Alessandro Manzoni, il caposcuola del romanticismo italiano...

Il vero male non è quello che si soffre, ma quello che si fa…  (A. Manzoni)

Il 07 marzo del 1785 veniva al mondo Alessandro Manzoni, lo vogliamo ricordare proponendo tre bellissime poesie.

Regala ciò che non hai

Occupati dei guai, dei problemi
del tuo prossimo.
Prenditi a cuore gli affanni,
le esigenze di chi ti sta vicino.
Regala agli altri la luce che non hai,
la forza che non possiedi,
la speranza che senti vacillare in te,
la fiducia di cui sei privo.
Illuminali dal tuo buio.
Arricchiscili con la tua povertà.
Regala un sorriso
quando tu hai voglia di piangere.
Produci serenità
dalla tempesta che hai dentro.
“Ecco, quello che non ho te lo dono”.
Questo è il tuo paradosso.
Ti accorgerai che la gioia
a poco a poco entrerà in te,
invaderà il tuo essere,
diventerà veramente tua nella misura
in cui l’avrai regalata agli altri.

Alla sua donna

Se pien d’alto disdegno e in me securo
     Alteramente io parlo e penso e scrivo
     Oltre l’etate e il vil tempo in ch’io vivo,
     E piacer sozzo e vano onor non curo;
Opra è tua, Donna, e del celeste e puro
     Foco che nel mio petto accese il vivo
     Lume de gli occhi tuoi, che mi fa schivo
     Di quanto parmi, al tuo paraggio, impuro.
Piacerti io voglio, nè piacer ti posso,
     Fin ch’io non sia, negli atti e pensier miei,
     Mondo così ch’io ti somigli in parte.
Così per la via alpestra io mi son mosso:
     Nè, volendo ritrarmene, il potrei;
     Perchè non posso intralasciar d’amarte.

Alla Musa

Novo intatto sentier segnami, o Musa,
     Onde non stia tua fiamma in me sepolta.
     È forse a somma gloria ogni via chiusa,
     Che ancor non sia d’altri vestigj folta!
Dante ha la tromba, e il cigno di Valchiusa
     La dolce lira; e dietro han turba molta.
     Flora ad Ascra agguagliosse; e Orobbia incolta
     Emulò Smirna, o vinse Siracusa.
Primo signor de l’italo coturno,
     Te vanta il secol nostro, o te cui dièo
     Venosa il plettro, o chi il flagello audace?
Clio, che tratti la tromba e il plettro eburno,
     Deh! fa che, s’io cadrò sul calle Ascreo,
     Dicasi almen: Su l’orma propria ei giace!

Alessandro Manzoni nasce a Milano il 7 marzo 1785 da una relazione extra-matrimoniale tra Giulia Beccaria e Giovanni Verri, fratello di Alessandro e Pietro (noti esponenti dell’illuminismo); viene immediatamente riconosciuto dal marito di lei, Pietro Manzoni. Nel 1791 entra nel collegio dei Somaschi a Merate, dove rimane fino al 1796, anno in cui viene ammesso presso il collegio dei Barnabiti. Dal 1801 abita col padre a Milano, ma nel 1805 si trasferisce a Parigi, dove a quel tempo invece risiedeva la madre insieme con il suo compagno, Carlo Imbonati (lo stesso a cui Giuseppe Parini  aveva dedicato l’ode “L’educazione”), morto poi in seguito quello stesso anno. Proprio in onore di lui, in segno della stima che gli portava, Manzoni compone il carme “In morte di Carlo Imbonati”. A Parigi rimane fino al 1810 e si accosta, stabilendo anche forti amicizie, all’ambiente degli ideologi, che ripensavano in forme critiche e con forti istanze etiche la cultura illuminista.  Rientrato a Milano nel 1807, incontra e si innamora di Enrichetta Blondel, con la quale si sposa con rito calvinista e dalla quale avrà negli anni ben dieci figli (otto dei quali gli morirono tra il 1811 e il 1873). Il 1810 è l’anno della conversione religiosa della coppia: il 22 maggio Enrichetta abbraccia la fede cattolica e, tra l’agosto ed il settembre, il Manzoni si comunica per la prima volta. Dal 1812 lo scrittore compone i primi quattro “Inni Sacri”, che verranno pubblicati nel ’15; l’anno seguente inizia la stesura de “Il conte di Carmagnola”. E’ questo, per il Manzoni, un periodo molto triste dal punto di vista familiare (dati i numerosi lutti) ma molto fecondo da quello letterario: nei due decenni successivi (all’incirca fino al ’38-’39) compone, tra gli altri,  “La Pentecoste” le “Osservazioni sulla morale cattolica” (che, a parte le ragioni ideologiche, sono un prezioso documento della sensibilità psicologica del Manzoni), la tragedia “l’Adelchi” le odi e  “ Marzo 1821” e  “il Cinque Maggio” le “Postille al vocabolario della crusca” ed avvia la stesura del romanzo “Fermo e Lucia“, uscito poi nel 1827 col titolo “I promessi sposi” (ma la cui seconda e definitiva stesura avverrà nel 1840, con la pubblicazione a dispense corredata dalle illustrazioni del Godin). Il lungo lavoro di stesura del romanzo si caratterizza sostanzialmente per la revisione linguistica, nel tentativo di dare un orizzonte nazionale al suo testo, orientandosi sulla lingua “viva”, cioè parlata dai ceti colti della Toscana contemporanea. Per questo si recò a Firenze nel 1827 allo scopo di “risciacquare i panni in Arno”. Nel 1833 muore la moglie, ennesimo lutto che getta lo scrittore in un grave sconforto. Passano quattro anni e nel 1837 si risposa con Teresa Borri. La tranquillità familiare, però, è ben lungi dal profilarsi all’orizzonte, tanto che nel 1848 viene arrestato il figlio Filippo: è proprio in questa occasione che scrive l’appello dei milanesi a  Carlo Alberto.  Di due anni dopo è la lettera al Carena “Sulla lingua italiana”. Tra il ’52 e il ’56 si stabilisce in Toscana. La sua fama di letterato, di grande studioso di poetica ed interprete della lingua italiana si andava sempre più consolidando e i riconoscimenti ufficiali non si fanno attendere, tanto che nel 1860 ha il grande onore di essere nominato Senatore del Regno. Purtroppo, accanto a questa soddisfazione di rilievo segue sul piano privato un altro incommensurabile dolore: appena un anno dopo la nomina, perde la seconda moglie. Nel 1862 viene incaricato di prendere parte alla Commissione per l’unificazione della lingua e sei anni dopo presenta la relazione “Dell’unità della lingua e dei mezzi per diffonderla”. Alessandro Manzoni muore a Milano il 22 maggio 1873, venerato come il letterato italiano più rappresentativo del secolo e come il padre della lingua italiana moderna. Per la sua morte Giuseppe Verdi,  compose la stupenda e laica “Messa da Requiem”.

Teresa Anania

Fonte biografica: www.biografieonline.it

Teresa Anania

Pubblicato da Teresa Anania

Eccomi..... Sono Teresa Anania, e ho una passione sfrenata per i libri. Un amore iniziato ad otto anni e cresciuto nel tempo. Amo scrivere e riversare, nero su bianco, emozioni, sentimenti e pensieri concreti e astratti. La musica è la colonna sonora della mia vita. Ogni libro lascia traccia dentro di noi e con le recensioni, oltre a fornire informazioni "tecniche", si tenta di proiettare su chi le leggerà, le sensazioni e le emozioni suscitate. Beh..... ci provo! Spero di riuscire a farvi innamorare non solo dei libri ma della cultura in senso lato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.